Regolarità intestinale

Il benessere intestinale

Il benessere del nostro intestino influenza tutto il nostro organismo. Problematiche quali stitichezza cronica o difficoltà di evacuazione, condizionano in maniera negativa la nostra vita, coinvolgendo non solo l’apparato intestinale ma tutto il nostro corpo e condizionando le nostre abitudini di vita e i rapporti con le altre persone. La durezza delle feci e la stitichezza, infatti sono problematiche intestinali da non sottovalutare!

Quando si sta bene e il nostro intestino funziona regolarmente si evacua da più volte al giorno ad un minimo di 3 volte a settimana; chi soffre di stitichezza ha una frequenza di scariche inferiore alle tre volte a settimana.

Le feci dure sono un fenomeno tipico di chi soffre di stitichezza ma possono anche essere presenti anche in chi scarica con frequenza regolare. La consistenza delle feci dipende da quanta acqua è presente nella loro composizione: se è scarsa, assumono un aspetto nodoso, a palline dure. I sintomi della stitichezza possono essere vari: può essere presente una sensazione di gonfiore, con associata flatulenza, in alcuni casi si presenta dolore all’addome e dolore al retto nell’atto di evacuazione, con possibile comparsa di ernia iatale, emorroidi e vene varicose degli arti inferiori.

Le cause

Le cause possono essere molteplici.

In generale, nella stitichezza, un’alterazione dell’equilibrio idrico dell’organismo e il rallentamento del transito delle feci nell’intestino crasso, che ne riassorbe l’acqua, fa diventare le feci dure e difficili da evacuare.

Le feci dure e la stitichezza possono quindi essere dati da:

  • una scarsa idratazione con ridotta assunzione di liquidi
  • una vita sedentaria, che rende l’intestino “pigro”
  • lo stress, che porta a ignorare lo stimolo ad andare in bagno.
  • un’alimentazione squilibrata e povera di fibre
  • effetti secondari di farmaci

Come prevenire

E’ fondamentale correggere o prevenire la stitichezza, in quanto evitiamo di andare incontro a patologie più gravi quali diverticolosi, emorroidi e varici.

E’ importante bere circa due litri di acqua al giorno, in questo modo il nostro intestino ha la giusta quantità di liquidi per la corretta consistenza delle feci e il corretto transito intestinale.

L’attività fisica può avere un ruolo fondamentale per migliorare l’intestino “pigro”: alcuni esercizi che stimolano i muscoli addominali influenzano positivamente la motilità intestinale, con un effetto simile ad un “massaggio”.

Lo stress, il non concedersi delle pause durante la giornata per i troppi impegni, ignorando lo stimolo dell’evacuazione, causa feci dure e difficoltà quindi di evacuazione. E’ importante rispettare i segnali che il nostro corpo ci invia e ritagliarci dei momenti duranti la giornata.

Una corretta alimentazione può migliorare la regolarità intestinale. In particolare è consigliabile consumare cibi ricchi di fibre in grado di gonfiarsi d’acqua nell’intestino e rendere le feci morbide. Quindi le fibre contenute in verdura, frutta, legumi e cereali integrali devono essere presenti nella nostra dieta quotidiana. E’ inoltre consigliabile evitare cibi raffinati e ricchi di zuccheri semplici, che tendono a impigrire il nostro intestino in quanto facilmente digeribili.

 

E’ inoltre possibile aiutarsi con integratori a base di fibre alimentari. Un equilibrato apporto di fibre insolubili, date dalla crusca del frumento, e di fibre solubili, proveniente dallo psyllium, permette di regolare l’intestino, favorendo evacuazioni morbide e regolari, senza dare assuefazione.

Un trattamento fisiologico della stitichezza è dato dall’utilizzo di una fibra idrofila, il Calcio policarbofil. Tale fibra ha la capacità di assorbire grandi quantità di liquidi nel lume intestinale, favorendo in questo modo la formazione di feci soffici e voluminose.

E’ anche possibile intervenire con estratti di piante officinali. Quelle con evidenti proprietà e maggiormente utilizzate sono la Senna, la Cascara, la Frangula e il Rabarbaro. Gli estratti secchi di queste piante contribuiscono alla fisiologica regolarità intestinale: regolano infatti il contenuto di acqua e permettono il regolare transito intestinale.

 

Dott.ssa Paola Cagliero
Biologa Nutrizionista
paolacagliero@hotmail.it

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Usando questo sito sei in accordo con la nostra Privacy PolicyOK